The Cook si inserisce nel contesto storico e artistico del Palazzo Branca Doria di vico Falamonica a Genova.

L’edificio risale al 1276 e venne realizzato dalle maestranze antelamiche attive in città a quel tempo.

Aveva funzioni di rappresentanza e corrispondeva alla tipologia dei palazzi locali dell’epoca: dotato di ampio portico a quattro arcate al piano terra, corrispondente alla parte commerciale. 

In seguito, altre maestranze della stessa corrente ricomposero al suo interno il vasto cortile con scala loggiata e le colonne ornate da capitelli finemente lavorati.

Il palazzo prende ovviamente il nome dal suo proprietario, noto per la citazione che fa di lui Dante Alighieri nella Divina Commedia sebbene ancora vivente (Inferno, Canto XXXIII).

Le sale che ospitano il nostro ristorante vennero finemente affrescate da Bernardo Strozzi, detto il Cappuccino, protagonista della pittura del primo Seicento a Genova.

Le sue opere naturalistiche datate XVII secolo rendono il palazzo arioso e fiabesco, vestito di allegorie e immagini bucoliche senza tempo.

Egli, ispiratosi inizialmente alla scuola pittorica toscana, risentì, successivamente, delle influenze di artisti lombardi e fiamminghi, sia pure restituite in una matrice comune reinterpretata con personale visione. 

La sua cifra stilistica è stata caratterizzata inizialmente dall’uso di colori intensi tesi a costituire un elemento strutturale ben definito rispetto alla rappresentazione pittorica.