Nel 2020 Norwegian Seafood Council, l’ente che collabora con il settore della pesca e dell’acquacoltura in Norvegia, ha nominato lo Chef stellato Ivano Ricchebono come Ambasciatore dello Stoccafisso.

Proprio in onore di questa importante carica lo Chef ha compiuto, dal 5 al 10 giugno, un viaggio verso l’isola nordica, celebrando il connubio tra i piatti genovesi e il simbolo norvegese: lo stoccafisso. In questa occasione sono stati molteplici i momenti in cui l’ambasciatore Ricchebono si è destreggiato a raccontare, tra parole e piatti, il legame gastronomico che intercorre tra le due cucine. Due tradizioni culinarie che se pur differenti sono legate dallo stesso fil rouge, ovvero la passione e le materie prime eccellenti.

Lo stoccafisso è un prodotto unico, esaltato in tutto il mondo per il suo caratteristico gusto e la sua consistenza compatta; è composto principalmente dallo skrei, il merluzzo artico pescato al di sopra del circolo polare. Ad oggi è prodotto quasi unicamente nel nord della Norvegia e vengono utilizzati gli stessi metodi e lo stesso ingrediente segreto di allora: la natura.                               Il pesce viene lasciato essiccare da febbraio a maggio, appendendolo lungo la costa o vicino al mare, esposto a tutti gli elementi naturali del nord della Norvegia. Le temperature attorno agli 0°C e il giusto equilibrio di vento, sole e pioggia rendono quest’area perfetta per l’essiccazione. In questo modo, è proprio la natura a trasformare questo pesce incredibile in uno stoccafisso prezioso e delizioso. 

Tra i numerosi appuntamenti del viaggio dello Chef Ricchebono in Norvegia, non è mancata la sua esibizione in una cucina proprio sotto le antiche rastrelliere dello stoccafisso, con uno speciale cooking show-dialogo davanti agli studenti del posto.

Questa esperienza rimarrà per sempre una tappa importante per la carriera professionale dello Chef ma soprattutto verrà ricordata come un viaggio emozionale alla scoperta di culture e ricchezze di un meraviglioso paese.